ottimistaperplesso

Quello che non siamo in grado di cambiare dobbiamo almeno descriverlo (R. W. Fassbinder)

Come piantare una vite e perché

Quest’anno ho voluto  impiantare nuove viti nella zona più appartata della terreno, a ridosso del muro a secco che gli fa da perimetro. Quando saranno cresciute lo orneranno come un fazzoletto i suoi merletti. Piantare una vita è sempre una scommessa, con il tempo e con quella ipocondria che a volte mi prende e vorrebbe non farmi fare più nulla oltre quello che ho già fatto.  Ma io che non saprei stare senza qualcosa di nuovo da far crescere ne ho piantate di altre e ora ve ne parlo.
Per piantare una vite le strade sono due: comprarla in un vivaio già  pronta o prepararsela da soli. Io quest’anno ho scelto la seconda; fatelo anche voi se avete tempo e un minimo di fiducia nel futuro oltre che in voi stessi. Ecco come ho fatto.
Intanto ho utilizzato i tralci messi da parte l’anno scorso durante la potatura, tralci che interrai in una serretta e poi concimato e innaffiato. Ricordate che vanno messi a dimora con le gemme rivolte verso l’alto; dalle gemme interrate  si svilupperà il nuovo apparato radicale.

Eccole  le bacchette. Trovo incantevole e degno di ogni considerazione far ritornare la vita in  ramoscelli come questi.
 

Ma andiamo con ordine. Per prima cosa servirà scavare una buca sufficientemente ampia; ampia perché l’apparato radicale della piccolissima vite ha bisogno per svilupparsi di avere attorno una buona quantità di terreno morbido e concimato.
Una buca come questa può andar bene.
 

Sul fondo va messo del concime organico, io in più ci aggiungo la cenere residuata dal falò dei rami d’ulivo appena potati e qualche frammento di paletta di fico d’India stufata a puntino. Con delle provviste così metterebbero foglie anche le pietre. Per non far venire a contatto il concime con le  radici (potrebbe bruciarle) interpongo tra il primo e le seconde uno strato di terriccio; saranno le stesse radici una volta rinforzatesi a scendere in profondità e a scovare ciò che abbiamo preparato per loro.

Ed eccola la piccola vite appena tolta dalla serretta. Guardate quanto è bello l’apparato radicale, qualche mese fa lì c’era solo una gemma.
Quello che sta per compiere sarà il primo e unico viaggio di questa pianta. Resterà dove la metto ora per i prossimi 50 anni e più.
 

La appoggio sul terriccio della buca e comincio a riempire. Strato dopo strato presso leggermente il terreno per assestarlo fino alla superficie.
Ho quasi finito. Non mi rimane che infiggere un manicotto in pvc  fino all’altezza dell’apparato radicale; sarà la salvezza di questa vite. Nei giorni di agosto quando la siccità sarà padrona di tutto mi servirà per  far arrivare l’acqua direttamente alle radici. Per i primi due anni in estate dovrò abbeverarla così ed è una cosa che mi appaga non sapete quanto.

Poi al terzo anno darà la prima uva; ve ne mostrerò i grappoli.

About these ads

Navigazione ad articolo singolo

5 pensieri su “Come piantare una vite e perché

  1. I tuoi lettori saranno contenti di vedere la prima uva tra tre anni. Buona coltivazione prima e buon raccolto poi.

    Dona

  2. piantare una vitA è il più gran gesto di amore per la vita. quando leggo cose così, vorrei tanto avere un po’ di terra da coltivare, invece ho solo i vasi delle piante del mio terrazzo.

  3. Affascinante e didattico il tuo racconto, splendide le foto.
    Vite, vita, sì, c’è poca differenza…

  4. Filippo in ha detto:

    Ciao Bello il Racconto, pure io mi sto accingendo a piantare due viti nel giardino, ho trovato il tuo articolo molto utile e appassionato, forse manca qualche dettaglio, ma credo che lo scopo non fosse prettamente quello didattico…
    Grazie F

  5. Paolo in ha detto:

    Bene, bravo, ma i tralci di vite non innestati su radice “americana” prima o poi potranno essere colpiti da malattia e propagarsi anche ad altre piante. E’ un rischio, ma lo si fa. Io ne ho 800, innestate. In altra parte ne ho 5 non innestate. Hanno maturato bene per due anni poi hanno preso una malattia. Ho dovuto togliere e bruciarle. Ciao

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: