ottimistaperplesso

Quello che non siamo in grado di cambiare dobbiamo almeno descriverlo (R. W. Fassbinder)

Come si pianta un ulivo

Sono  giorni questi in cui la campagna sembra morta e a noi nulla  ci viene da fare se non  guardarla come si guarda un quadro.  Eppure è il periodo  migliore per pensare al domani, perché  l’inverno non mette fretta e ci lascia il tempo per  pensare  nuove cose e realizzarle in silenzio senza il palcoscenico arabescato della primavera o ancor di più dell’estate. 
Ad esempio questo è il periodo migliore per piantare un nuovo ulivo. 
Voi lo sapete e anch’io lo so, la vita ci lascia  sempre più di una scelta  su come fare le cose e anche  per l’ulivo è così; anzi qui le scelte sono minimo tre. La prima, la più facile, ci fa andare al vivaio, scegliere l’alberello della specie che più ci piace, infilarlo in una buca e riempirla di terra. La seconda, la più difficile (è un tirare di dadi) ci fa mettere dei semi sottoterra e sperare che germoglino. E’ una strada avventurosa perché anche se succede l’ulivo tende a tornare selvatico e dovremo innestarlo (l’innesto dell’ulivo è qualcosa di memorabile, ve ne parlerò).
La terza strada è quella più pratica e  immediata, io la preferisco di gran lunga. Eccovela raccontata.
Ogni albero di ulivo alla sua base ha una zona di forma globosa più ingrossata, è il cosiddetto “ciocco” sul quale si sviluppano  germogli chiamati polloni; eccoli.

I  polloni  rappresentano il futuro  della pianta, la sua nuova generazione; se li lasciassimo crescere liberamente renderebbero l’albero un cespuglio gigantesco, in più toglierebbero energia alla pianta che  non produrrebbe quasi nulla; per questo ogni anno vengono eliminati o nel nostro caso utilizzati per piantare un nuovo ulivo.
Si sceglie quello più vigoroso  poi con un’ascia o un piccone si sferra un colpo sulla parte legnosa immediatamente circostante il germoglio; il colpo deve essere pulito in modo da staccarlo dal tronco in maniera netta e profondo in modo da reciderlo fino all’apparato radicale.
Ecco il germoglio appena reciso.

Mentre in questa foto potete apprezzarne l’apparato radicale.

Cosa resta da fare? Scegliere il posto dove vogliamo piantare il pollone, scavare una buca, concimarla, poggiarlo sul fondo, riempirla di terra fresca.

Fatto, abbiamo piantato un nuovo albero. Avrà bisogno di cure a attenzioni per i prossimi sette anni quando comincerà a dare i primi frutti; li darà fino a centocinquanta anni e se la sorte l’aiuta camperà fino a mille.
Qualcuno si chiederà che senso abbia  piantare un albero di cui non potremo seguirne che la prima giovinezza. Non lo so, il discorso si fa complesso e  ho finito l’inchiostro; so però che serve a poco vivere se non creiamo qualcosa che ci sopravvive.

About these ads

Navigazione ad articolo singolo

11 pensieri su “Come si pianta un ulivo

  1. Bella l’ultima frase. Quanto alle istruzioni per piantare un albero, diciamo che non ne seguirà un utilizzo pratico, però sono comunque interessanti.

  2. m. in ha detto:

    perchè piantare a ridosso del muretto a secco? non è limitante alla lunga per il
    nuovo ulivo?

  3. @ pyperita,
    mai dire mai:-)

    @ m.
    qui da noi non tutti i campi con gli ulivi sono degli uliveti. In alcuni un tempo si usava piantarli lungo i confini del terreno, un pò per ripararlo dai venti un pò per lasciare il giusto spazio a colture più pregiate tipo la vite o gli ortaggi.
    E’ il caso del mio terreno (quello dove ho piantato il giovane ulivo) dove ho voluto continuare la tradizione della piantumazione perimetrale. La foto in testa al post invece rappresenta l’uliveto (“classico”) dove ho pelevato il pollone. L’ho piantato a un metro dal muro a secco e non ci saranno problemi, sia perché l’esposizione è ottimale sia perchè le radici dell’ulivo troveranno facilmente lo spazio che serve loro, anche passando tra una pietra del muro e l’altra. Si propagano che è una bellezza, se scavi a 6 metri dal tronco ancora le trovi.

  4. Arturo tauro in ha detto:

    “…Qualcuno si chiederà che senso abbia piantare un albero di cui non potremo seguirne che la prima giovinezza”. Proprio questo è il bello: fare qualcosa che sopravviverà a noi stessi, almeno per 150 o 1.000 anni, prima che la pialla del tempo distrugga pure quello.

  5. Luigi in ha detto:

    Ho un olivo con fusto di circonferenza 10 cm.
    Posso piantarlo sopra una soletta di 60 cm!
    Come di sviluppano le sue radici?
    Ciao graxie

  6. Le radici dell’ulivo si sviluppano in massima parte orizzontalmente (anche se quando devono cercarsi l’acqua scendono eccome); possiamo stimarne anche la lunghezza che sarà sempre circa il doppio della chioma. Se parli di soletta è possibile che tu stia parlando di un giardino; occhio che se in superfice ci sono piastrelle le radici, non potendo deviare verso il basso, le scalzeranno.

  7. Marco Raber in ha detto:

    Sei un grande!

  8. Antonio in ha detto:

    ciao, ho bisogno di un consiglio, sono inesperto…..usando questa tecnica, è possibile trapiantare un pollono da quasi 10 cm di diametro?? e la radice, non patisce??grazie in anticipo per la risposta.Antonio

  9. Un pollone è un germoglio. Uno di quasi 10 cm di diametro non è un pollone ma un vero e proprio alberello che ha bisogno per essere trapiantato di un apparato radicale imponente. Dispero tu possa riuscire a farlo con questa tecnica.

  10. Antonio in ha detto:

    Salve, mi inserisco anch’io nel dibattito. Ho anch’io un certo numero di polloni di olivo con un diametro di 5 cm e un’altezza di 170-180 cm, mi dispiacerebbe tagliarli proprio perché sono già degli alberelli e ogni albero è sacro. Mi consiglia di fare come sopra o devo adottare un’altra tecnica ?
    Grazie e complimenti per il suo modo d’essere contadino

  11. stefano in ha detto:

    salve è meglio piantare da pollone o da zolla??quali sono i pro e i contro?perche ne dovrei piantare 400 e non saprei bene quale scegliere mi potresti consigliare ??

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 28 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: