ottimistaperplesso

Quello che non siamo in grado di cambiare dobbiamo almeno descriverlo (R. W. Fassbinder)

Voce ‘e notte

Ci sono delle canzoni che galleggiano nell’aria in attesa che tu le ascolti; non si sa da quando  girano attorno, non te lo dicono, ma è solo quando le ascolti che  si fermano, come se quello che dovevano fare con te l’hanno fatto.
Mi è successo con “Voce ‘e notte”, canzone napoletana di 100 anni fa che l’altro giorno mi si è messa davanti mentre ero su You Tube. Così  mi sono ripromesso di parlarne, di questa e di altre se vorrete; un omaggio a questa città negletta e sprofondata nell’abbandono ma anche alla sua gente sola e disperata anche quando ride, che  ti guarda con sospetto ma poi ti fa entrare in casa e ti offre una frittura di alici fumante.

“Voce ‘e notte” fu scritta nel 1903 da Eduardo Nicolardi per la sua amata, Anna Rossi di 25 anni, che era stata data in sposa dai genitori a un anziano commerciante. L’autore immagina di essere sotto casa della  donna di notte mentre dorme con suo marito. Al di là del lirismo il testo è bellissimo per come si colgono i movimenti dei personaggi, i loro sguardi,  gli aneliti, le lacrime sottintese e no; sembra la scena di un film. Molti termini sono comprensibilissimi,  altri soprattutto per quelli che vivono oltre il Rubicone, lo sono di meno per cui proverò a tradurla in qualche modo; mi perdonerete.

La versione che propongo è quella di Sal da Vinci, ottimo e giovane interprete della musica napoletana.

E’ il canto d’amore di un uomo che ha perso la sua donna  ma le sue parole sono senza astio o recriminazione; le dice invece che l’ama e si preoccupa che quella visita notturna non le arrechi danno in alcun modo.

Comincia così…
Se questa voce  ti sveglia nella notte mentre ti stringi all’uomo che hai vicino… stai pure sveglia se vuoi  stare sveglia ma  non fartene accorgere…
La seconda strofa è di una meraviglia assoluta: Non serve andare alla finestra perché  non puoi sbagliarti, questa voce è la mia; è’ la stessa voce di quando tutti e due ancora timidi ci davamo del “voi”.
La terza è di riposo prima dell’esplosione delle restanti tre: Questa voce vuole cantarti nel cuore il mio tormento antico e il mio amore lontano.
E poi la quarta: Se ti viene voglia di amarmi, se la smania di baci ti corre lungo le vene, se il fuoco ti brucia… bacia il tuo uomo, io non sono nessuno ormai.
E ancora: Se questa voce che piange di notte sveglia il tuo sposo non aver paura, digli che è una serenata senza nome, digli di dormire..
E l’ultima: Digli  che chi canta in questa via è un pazzo o uno che muore di gelosia, uno che  racconta infamità. Canta da solo, ma cosa canta a fare…?

Amore di cent’anni fa; versi secchi, puliti, forti. Bella davvero. Se fossi donna non dimenticherei chi me la dedicasse. Nè lo dimenticò Anna perché, si seppe poi, l’anziano marito morì dopo poco tempo e i due ebbero finalmente modo  di stare insieme.

Ecco il testo integrale.   

 

           Voce ‘e notte

Si ‘sta voce te scéta ‘int”a nuttata,
mentre t’astrigne ‘o sposo tujo vicino…
Statte scetata, si vuó’ stá scetata,
ma fa’ vedé ca duorme a suonno chino…

Nun ghí vicino ê llastre pe’ fá ‘a spia,
pecché nun puó’ sbagliá ‘sta voce è ‘a mia…
E’ ‘a stessa voce ‘e quanno tutt’e duje,
scurnuse, nce parlávamo cu ‘o “vvuje”.

Si ‘sta voce te canta dint”o core
chello ca nun te cerco e nun te dico;
tutt”o turmiento ‘e nu luntano ammore,
tutto ll’ammore ‘e nu turmiento antico…

Si te vène na smania ‘e vulé bene,
na smania ‘e vase córrere p”e vvéne,
nu fuoco che t’abbrucia comm’a che,
vásate a chillo…che te ‘mporta ‘e me?

Si ‘sta voce, che chiagne ‘int”a nuttata,
te sceta ‘o sposo, nun avé paura…
Vide ch’è senza nomme ‘a serenata,
dille ca dorme e che se rassicura…

Dille accussí: “Chi canta ‘int’a ‘sta via
o sarrá pazzo o more ‘e gelusia!
Starrá chiagnenno quacche ‘nfamitá…
Canta isso sulo…Ma che canta a fá?!…”

 

 

 

Navigazione ad articolo singolo

6 pensieri su “Voce ‘e notte

  1. Sebbene sia per metà napoletana… o meglio ho un pizzico di sangue napoletano, non è il mio genere. Ad ogni modo, questo post è proprio ‘na bellezza!😉

  2. C’è poco da dire, la scelta di questa canzone non merita alcun commento. Credo che sia in assoluto tra la più belle del repertorio antico napoletano. È talmente bella che può anche essere letta tutta di un fiato come se fosse una poesia. Mi rendo conto che i “non napoletani” possano avere difficoltà di comprensione, ma al di fuori di ogni meritevole e lodevole apprezzamento per la traduzione fatta, l’originale in dialetto napoletano non ha eguali.

    Si ‘sta voce te canta dint”o core
    chello ca nun te cerco e nun te dico;
    tutt”o turmiento ‘e nu luntano ammore,
    tutto ll’ammore ‘e nu turmiento antico…

  3. Si. Ora aggiungo il testo originale, qualcosa che non si può descrivere per quanto è bello.

  4. Bella, bella, bella!
    E’ inutile, la canzone napoletana è unica, trasmette passione, vibra, scuote qualcosa dentro.
    E’ poesia che cavalca le note, e viene interpretata come se la voce uscisse direttamente dal cuore.
    Hai ragione sai, si resta incantati.
    Ode alla bella Napoli, ai suoi musici e cantori, al sua meraviglioso dialetto che sembra nato solo per vestire di parole una serenata d’amore!

    E mo’ m’adduormo , mentre ‘sta voce canta dint’o core…

  5. Secondo me l’ha ucciso lei…🙂

  6. l’ode era lode, s’era capito no?
    Ciaoo!!!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: