ottimistaperplesso

Quello che non siamo in grado di cambiare dobbiamo almeno descriverlo (R. W. Fassbinder)

Archivi per il mese di “settembre, 2013”

Vieneme ‘nzuonno

Se i pensieri si possono in qualche modo regimentare (posso smettere di pensare a qualcosa o a qualcuno se non mi va) lo stesso non posso fare coi sogni; se i pensieri sono in qualche modo legati al corpo il sogno non lo è per nulla, libero com’è di vagare per il mondo. “Cogito ergo sum” esisto quando penso, e se sogno? Esisto esisto; diciamo che divento una barca senza remi e timone con nessuno che mi possa indicare la direzione né azionare freni inibitori; resto in balia dell’acqua placida, o turbolenta.
Accade nella fase Rem, quella in cui i neuroni si fanno da parte, “non si vede e non si sente”, lo spazio esterno non esiste e quello interno prende il suo posto. Non c’è un senso di marcia nel sogno, né una localizzazione geografica o temporale, nemmeno vale il principio di non contraddizione così che può accadere tutto e il suo contrario senza che in chi sogni desti sorpresa o incredulità. Immagini del passato, frammenti del giorno appena trascorso, aneliti, paure, cose che a volte si possono raccontare altre no e che spesso, come accade a me, nemmeno si ricordano.
Che peccato perché il ricordo è l’unico resoconto del sogno; uno strumento collegato al mio cervello può rilevare che sto sognando ma non cosa; che meraviglia però, quale mirabile segreto custodisce la nostra psiche, accessibile e noi e a nessun altro.
“Vieneme ‘nzuonno” Vienimi in sogno, canta sobrio Nino D’Angelo in questa perla, forse poco conosciuta, della canzone napoletana; chiede a colei che fu la sua donna di venirgli in sogno.

“Vieneme ‘nzuonno”

E pass’ ‘o tiempo
sunnanno ll’ammore,sultanto ll’ammore,
e nun s’arrenne
‘stu core, penzanno, aspettanno a te.
Pure ‘a vernata fredda
se ll’accarezza ‘o sole,
ma ‘o sole,
‘o sole mio addò stà?

Vieneme ‘nzuonno, sì, vieneme ‘nzuonno:
nun me scetà, famme, mpazzì, vicino a te;
me pare overo ca si’ turnata
comm’ ‘a ‘na vota abbracciata cu me,
ammore, ammore mio.
Sent’ancora dint’ ‘e vvene
‘o desiderio e ‘o bbene,
damm’ ‘a mano, damm’ ‘o core,
io voglio sulo a te…
Vieneme ‘nzuonno, sì, vieneme ‘nzuonno,
te voglio di’: ‘o sole mio,’o sole mio si’ tu!

Facimme pace, nun ‘mporta ‘o passato, ce sta ‘nu dimane;
io cont’ ‘e juorne
suffrenno, vulenno sultanto a te.
‘Sta vita nun è vita,
si nun ce sta ll’ammore,
è ammore
ll’ammore mio si tu!

Vieneme ‘nzuonno, sì, vieneme ‘nzuonno;
nun me scetà, famme, mpazzì, vicino a te;
me pare overo ca si’ turnata
comm’ ‘a ‘na vota abbracciata cu me,
ammore, ammore mio.
Sent’ancora dint’ ‘e vvene
‘o desiderio e ‘o bbene,
damm’ ‘a mano, damm’ ‘o core,
io voglio sulo a te…
Vieneme ‘nzuonno, sì, vieneme ‘nzuonno,
te voglio di’: ‘o sole mio,’o sole mio si’ tu!

Testo anomalo senza dubbio; nessun gesto che possa dirsi fisico, nessuna invocazione strappa cuore, non una serenata, né un grido, una lettera, un tentativo di incontro; niente di reale e in qualche modo di “maschio”; solo il desiderio di vedersi apparire in sogno quella che fu la propria donna. Tutto è finito, nulla pare rimediabile; resta l’anelito del breve spazio temporale di un sogno, oh ma non pensate sia un’attitudine da considerarsi debole; la trovo anzi una dimostrazione di forza, una dichiarazione d’amore formidabile.

Una vendemmia

Un occhio alle previsioni meteo l’altro al rifrattometro; le prime annunciavano pioggia per la settimana entrante, il secondo mi dava un tenore in zuccheri pressoché ottimale. Non era il caso di aspettare si doveva vendemmiare, così ieri sera ho preparato tutto, stamattina sveglia all’alba sono andato.
La vigna di mattina presto sembra un lago ghiacciato; è cristallizzata e la vorresti vedere sempre così, con le foglie ferme e i grappoli pesanti e scuri a puntare verso il basso; camminare oggi tra i filari è come rivisitare un luogo caro prima di partire, perché cos’è la vendemmia se non una partenza, cosa se non il compimento di un ciclo, faticoso ma che in questi mesi ha occupato la mia mente e mi ha fatto compagnia. Piove non piove, zolfo, verderame, concimare, fresare, i tralci da legare; guardare.
Guardare si perché pure gli occhi nutrono le cose che guardiamo; le fanno sentire amate, in qualche modo degne di noi e noi di loro. Non so chi fu a dire che in Natura esiste già tutto, bisogna solo farlo emergere; può essere, certo è che tanta è la fatica per riuscirci, tanti i fallimenti. E allora se pure è vero che un uomo vale per quello che fa (è l’atto in sè che conta) ancora più soddisfatto dovrebbe essere quando lo fa bene e si accorge ad esempio di non avere sbagliato come l’altro anno quando saltò più di un trattamento e perse metà del raccolto.
Il sole sale e fa brillare la rugiada, ora la vigna risplende e i grappoli prendono colore. Guardateli col sole, lasciatevi affascinare dalla loro bellezza sensuale, dal loro turgore lucido; un grappolo è fuoco domato, sole liquido, spirito, voluttà, ebbrezza pura.

070920132212

070920132222

Preparo i tini e la pigiatrice in attesa dei rinforzi; già i rinforzi, nessuna vendemmia dovrebbe essere fatta in solitudine; vendemmiare è condividere, dare un senso partecipato a questo mistero che è la vita; alla fine è un renderle omaggio.
Tutto sta per accadere, tra un po’ i “clac” delle forbici, cesura di una stagione, si mischieranno alle risate e alle grida dei ragazzi; ma ora sono qui da solo e mi piace, a passeggiare tra i filari. Le foglie che si muovono al vento mi pare facciano una danza.

Navigazione articolo