ottimistaperplesso

Quello che non siamo in grado di cambiare dobbiamo almeno descriverlo (R. W. Fassbinder)

Una vendemmia

Un occhio alle previsioni meteo l’altro al rifrattometro; le prime annunciavano pioggia per la settimana entrante, il secondo mi dava un tenore in zuccheri pressoché ottimale. Non era il caso di aspettare si doveva vendemmiare, così ieri sera ho preparato tutto, stamattina sveglia all’alba sono andato.
La vigna di mattina presto sembra un lago ghiacciato; è cristallizzata e la vorresti vedere sempre così, con le foglie ferme e i grappoli pesanti e scuri a puntare verso il basso; camminare oggi tra i filari è come rivisitare un luogo caro prima di partire, perché cos’è la vendemmia se non una partenza, cosa se non il compimento di un ciclo, faticoso ma che in questi mesi ha occupato la mia mente e mi ha fatto compagnia. Piove non piove, zolfo, verderame, concimare, fresare, i tralci da legare; guardare.
Guardare si perché pure gli occhi nutrono le cose che guardiamo; le fanno sentire amate, in qualche modo degne di noi e noi di loro. Non so chi fu a dire che in Natura esiste già tutto, bisogna solo farlo emergere; può essere, certo è che tanta è la fatica per riuscirci, tanti i fallimenti. E allora se pure è vero che un uomo vale per quello che fa (è l’atto in sè che conta) ancora più soddisfatto dovrebbe essere quando lo fa bene e si accorge ad esempio di non avere sbagliato come l’altro anno quando saltò più di un trattamento e perse metà del raccolto.
Il sole sale e fa brillare la rugiada, ora la vigna risplende e i grappoli prendono colore. Guardateli col sole, lasciatevi affascinare dalla loro bellezza sensuale, dal loro turgore lucido; un grappolo è fuoco domato, sole liquido, spirito, voluttà, ebbrezza pura.

070920132212

070920132222

Preparo i tini e la pigiatrice in attesa dei rinforzi; già i rinforzi, nessuna vendemmia dovrebbe essere fatta in solitudine; vendemmiare è condividere, dare un senso partecipato a questo mistero che è la vita; alla fine è un renderle omaggio.
Tutto sta per accadere, tra un po’ i “clac” delle forbici, cesura di una stagione, si mischieranno alle risate e alle grida dei ragazzi; ma ora sono qui da solo e mi piace, a passeggiare tra i filari. Le foglie che si muovono al vento mi pare facciano una danza.

Navigazione ad articolo singolo

Un pensiero su “Una vendemmia

  1. dalmiomondo in ha detto:

    si sente che la ami come un figlio questa vigna
    la bianca è oro bellissima:)
    chissà che vino:)

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: