ottimistaperplesso

Quello che non siamo in grado di cambiare dobbiamo almeno descriverlo (R. W. Fassbinder)

Vieneme ‘nzuonno

Se i pensieri si possono in qualche modo regimentare (posso smettere di pensare a qualcosa o a qualcuno se non mi va) lo stesso non posso fare coi sogni; se i pensieri sono in qualche modo legati al corpo il sogno non lo è per nulla, libero com’è di vagare per il mondo. “Cogito ergo sum” esisto quando penso, e se sogno? Esisto esisto; diciamo che divento una barca senza remi e timone con nessuno che mi possa indicare la direzione né azionare freni inibitori; resto in balia dell’acqua placida, o turbolenta.
Accade nella fase Rem, quella in cui i neuroni si fanno da parte, “non si vede e non si sente”, lo spazio esterno non esiste e quello interno prende il suo posto. Non c’è un senso di marcia nel sogno, né una localizzazione geografica o temporale, nemmeno vale il principio di non contraddizione così che può accadere tutto e il suo contrario senza che in chi sogni desti sorpresa o incredulità. Immagini del passato, frammenti del giorno appena trascorso, aneliti, paure, cose che a volte si possono raccontare altre no e che spesso, come accade a me, nemmeno si ricordano.
Che peccato perché il ricordo è l’unico resoconto del sogno; uno strumento collegato al mio cervello può rilevare che sto sognando ma non cosa; che meraviglia però, quale mirabile segreto custodisce la nostra psiche, accessibile e noi e a nessun altro.
“Vieneme ‘nzuonno” Vienimi in sogno, canta sobrio Nino D’Angelo in questa perla, forse poco conosciuta, della canzone napoletana; chiede a colei che fu la sua donna di venirgli in sogno.

“Vieneme ‘nzuonno”

E pass’ ‘o tiempo
sunnanno ll’ammore,sultanto ll’ammore,
e nun s’arrenne
‘stu core, penzanno, aspettanno a te.
Pure ‘a vernata fredda
se ll’accarezza ‘o sole,
ma ‘o sole,
‘o sole mio addò stà?

Vieneme ‘nzuonno, sì, vieneme ‘nzuonno:
nun me scetà, famme, mpazzì, vicino a te;
me pare overo ca si’ turnata
comm’ ‘a ‘na vota abbracciata cu me,
ammore, ammore mio.
Sent’ancora dint’ ‘e vvene
‘o desiderio e ‘o bbene,
damm’ ‘a mano, damm’ ‘o core,
io voglio sulo a te…
Vieneme ‘nzuonno, sì, vieneme ‘nzuonno,
te voglio di’: ‘o sole mio,’o sole mio si’ tu!

Facimme pace, nun ‘mporta ‘o passato, ce sta ‘nu dimane;
io cont’ ‘e juorne
suffrenno, vulenno sultanto a te.
‘Sta vita nun è vita,
si nun ce sta ll’ammore,
è ammore
ll’ammore mio si tu!

Vieneme ‘nzuonno, sì, vieneme ‘nzuonno;
nun me scetà, famme, mpazzì, vicino a te;
me pare overo ca si’ turnata
comm’ ‘a ‘na vota abbracciata cu me,
ammore, ammore mio.
Sent’ancora dint’ ‘e vvene
‘o desiderio e ‘o bbene,
damm’ ‘a mano, damm’ ‘o core,
io voglio sulo a te…
Vieneme ‘nzuonno, sì, vieneme ‘nzuonno,
te voglio di’: ‘o sole mio,’o sole mio si’ tu!

Testo anomalo senza dubbio; nessun gesto che possa dirsi fisico, nessuna invocazione strappa cuore, non una serenata, né un grido, una lettera, un tentativo di incontro; niente di reale e in qualche modo di “maschio”; solo il desiderio di vedersi apparire in sogno quella che fu la propria donna. Tutto è finito, nulla pare rimediabile; resta l’anelito del breve spazio temporale di un sogno, oh ma non pensate sia un’attitudine da considerarsi debole; la trovo anzi una dimostrazione di forza, una dichiarazione d’amore formidabile.

Annunci

Navigazione ad articolo singolo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: