ottimistaperplesso

Quello che non siamo in grado di cambiare dobbiamo almeno descriverlo (R. W. Fassbinder)

Archivi per il mese di “aprile, 2014”

Il primo zolfo alle viti

13042014042

La vigna fino ai primi di aprile è un buen retiro, ottima per passeggiarci in mezzo, godersela come un pensatoio e scriverci poesie.
Ad aprile però spuntano i tralci e tutto cambia, come un figlio che finalmente ci nasce e noi non abbiamo più tempo di pensare a quello è stato o che sarà perché semplicemente è.
Ad aprile in campagna comincia la parte animata di me, quella del via vai, del prendere e spostare, del pensare e fare subito dopo e comincia col dare lo zolfo alle viti. La sapete la regola delle tre 10; quando i giovani tralci raggiungono la lunghezza di 10 cm, quando sono da poco caduti 10 mm di pioggia e la temperatura supera i 10 °C bisogna dare il primo zolfo. Il nemico è l’oidio, un fungo che si manifesta a luglio ma che sverna nei germogli e con l’umido e i primi caldi viene fuori. I danni che provoca sono importanti e se non provoca la morte della vite ne riduce di gran lunga la produzione e la prostra all’inverosimile.
Lo do di mattina lo zolfo, quello in polvere che metto nel soffietto; di mattina che le foglie ancora le bagna la rugiada e lo zolfo vi si attacca, di mattina che non c’è vento e la polvere fa una nuvola ferma e io ci passo attraverso. Poufff pouff fa il mantice mentre lavora, 11 filari così. Quando finisco i diavoli dell’inferno hanno addosso meno zolfo di me; ad abbracciarvi ora sai che spettacolo.

Annunci

Vento all’Arnara

01042014015

Dopo la curva il vento mi prende in pieno; è una specie di schiaffo potente, a me pare quello di un gigante a cui ho invaso il territorio. Cadono gli occhiali, li raccolgo, cadono di nuovo, una nuvola di polvere e terra mi colpisce in faccia; è un libeccio che non mi fa avanzare, in qualche modo impaurisce. Pure gli ulivi sono impazziti e le querce e i carrubi; le chiome saettano come esplose, barcollano, ma in qualche modo resistono a questa forza immane che le vuole divincolate dal terreno, sradicate e in volo. Qualche foglia cede e prende il largo, sprofonda nel cielo e scompare.
Dietro la ginestra il mare è una voragine azzurra; in alto una gazza le ali scomposte tenta di mantenere una rotta, invano e si aggroviglia nell’aria.

Navigazione articolo