ottimistaperplesso

Quello che non siamo in grado di cambiare dobbiamo almeno descriverlo (R. W. Fassbinder)

Il primo zolfo alle viti

13042014042

La vigna fino ai primi di aprile è un buen retiro, ottima per passeggiarci in mezzo, godersela come un pensatoio e scriverci poesie.
Ad aprile però spuntano i tralci e tutto cambia, come un figlio che finalmente ci nasce e noi non abbiamo più tempo di pensare a quello è stato o che sarà perché semplicemente è.
Ad aprile in campagna comincia la parte animata di me, quella del via vai, del prendere e spostare, del pensare e fare subito dopo e comincia col dare lo zolfo alle viti. La sapete la regola delle tre 10; quando i giovani tralci raggiungono la lunghezza di 10 cm, quando sono da poco caduti 10 mm di pioggia e la temperatura supera i 10 °C bisogna dare il primo zolfo. Il nemico è l’oidio, un fungo che si manifesta a luglio ma che sverna nei germogli e con l’umido e i primi caldi viene fuori. I danni che provoca sono importanti e se non provoca la morte della vite ne riduce di gran lunga la produzione e la prostra all’inverosimile.
Lo do di mattina lo zolfo, quello in polvere che metto nel soffietto; di mattina che le foglie ancora le bagna la rugiada e lo zolfo vi si attacca, di mattina che non c’è vento e la polvere fa una nuvola ferma e io ci passo attraverso. Poufff pouff fa il mantice mentre lavora, 11 filari così. Quando finisco i diavoli dell’inferno hanno addosso meno zolfo di me; ad abbracciarvi ora sai che spettacolo.

Navigazione ad articolo singolo

Un pensiero su “Il primo zolfo alle viti

  1. peggio di un fuminante o così detto fiammifero…
    uno zolfanello…:-)
    quante cose s’imparano qui
    attendo la storia della tua vite ogni stagione
    e il tempo passa
    e l’uva passa
    e la vita (ap)passita è come un vino secco aspro, come la nostra terra,
    da bere a piccoli sorsi per non finirla in fretta:-)
    grazie e buon raccolto marcovaldo…

    nemmeno io ho fb
    o meglio ho voluto provare l’ebbrezza tempo fa
    (un bel profilo, tanti tantissimi amici, un sacco di “mi piace” e poi…)
    e poi mi sono ubriacata in poco tempo di tutte quelle fesserie scritte…
    è un posto che non mi appartiene….

    meglio il vino buono prodotto da un buon blog🙂

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: