ottimistaperplesso

Quello che non siamo in grado di cambiare dobbiamo almeno descriverlo (R. W. Fassbinder)

Una fionda, anzi due

Così vanno le cose; uno passa i giorni a rincorrere faccende, salire, scendere, ridere, discettare del più e del meno fino alla sera che il figlio gli dice: ”Papà avevi promesso di costruirmi  la fionda.”
E’ vero, è che i giorni li passo saltando da un evento all’altro senza soluzione di continuità; a volte ne comincio due assieme, altre volte addirittura tre con il primo che disturba il terzo e il secondo gli altri due; così ogni volta è un rimetterli in ordine intimando loro: “Il secondo e il terzo restino in attesa, tocca al primo!”
Il primo ora è la fionda.
Domenica mattina io e il piccolo siamo saliti in campagna; col segaccio abbiamo tagliato un ramo di carrubo, con la roncola l’abbiamo sfrondato ricavandoci le forcine per le fionde; perché sono diventate due, una per me una per lui.
Cos’altro serve per costruire una fionda? Un pezzo di fodera del suo vecchio zaino, spago, una striscia di camera d’aria di bicicletta e dello scotch.
013

Cominciamo col fare due tagli al pezzo di fodera in modo da farci passare l’elastico che legheremo alle estremità della forcina con lo spago; lo scotch servirà a sigillare il nodo e a renderlo ancora più stabile. Occhio all’elastico, non deve essere né troppo spesso (sarà difficile tenderlo) né troppo sottile (potrebbe spezzarsi); soprattutto non deve avere abrasioni o tagli; un elastico che si spezza mentre è in tensione può causare danni importanti.
Alla fine il risultato è questo.
020

Per provarle abbiamo scelto delle pale di fico d’india. I primi tiri sono stati un problema per il piccolo, la pietra gli restava tra le mani o cadeva poco distante dai piedi, poi ha imparato e per il fico d’india non c’è stato più nulla da fare.
021

“Facciamo a chi la manda più lontano!” mi dice.

“Si, puntiamo a quella nuvola, sta scappando!”

Tira e ne esce un buon lancio teso; tiro io e la pietra scompare nel blu.

Navigazione ad articolo singolo

Un pensiero su “Una fionda, anzi due

  1. I enjoy what you guys tend to be up too. This sort of clever work and coverage!
    Keep up the amazing works guys I’ve added you guys to blogroll.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: