ottimistaperplesso

Quello che non siamo in grado di cambiare dobbiamo almeno descriverlo (R. W. Fassbinder)

Un manichino

019

Era dietro un container nell’area carico e scarico dell’ ipermercato; un manichino femminile senza braccia infilato in un bidone della spazzatura.
Sotto la pioggia faceva un effetto del tutto singolare, pareva si lamentasse del proprio destino e pareva farlo con me. Non che lo sguardo fosse mesto era anzi altero, di un orgoglio residuo; il naso rotto pareva darle nessun fastidio così il seno malconcio.
Che poi… – stavo per dirle – …non avresti tanto da lamentarti sei nata manichino e lo hai sempre saputo, non puoi aspettarti di essere trattata come un essere umano” (per quanto a prima vista ho avuto un soprassalto perché mi pareva una donna vera). Oh non è che mi aspettassi una risposta, era un manichino, eppure il suo silenzio mi pareva comune a quello di tante donne che subiscono subiscono ma per debolezza, pudicizia e per i figli tacciono e magari piangono in silenzio come questa cosa di plastica davanti a me che a cui scorrevano gocce dal viso ma io sapevo che non erano lacrime, solo pioggia.
Che poi così senza niente addosso mi pareva a disagio, non per il freddo che qui al sud non fa mai freddo piuttosto per l’imbarazzo di vedersi nuda senza averlo voluto. Oh anche qui, non che i manichini scelgono loro di spogliarsi, fanno tutto le vetriniste che gli levano una cosa e gliene mettono un’altra, eppure l’impressione che ne traevo ora era di una prevaricazione, di un oltraggio subito, come succede alle donne vere. Per sdrammatizzare stavo per parlarle dei suoi capelli, come mi sarebbe piaciuto li avesse avuti; neri che arrivassero sulle spalle. “Ma ti cresceranno vedrai, mica come me che oramai…!”
Speravo in qualche modo sorridesse come fanno le donne vere quando dici una cosa simpatica; ma mentre mi allontanavo con la mia valigetta di alambicchi non intravidi espressioni diverse sul suo volto.

Navigazione ad articolo singolo

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: