ottimistaperplesso

Quello che non siamo in grado di cambiare dobbiamo almeno descriverlo (R. W. Fassbinder)

Archivi per il mese di “gennaio, 2016”

Un falò

Dopo la potatura il fogliame di risulta va bruciato, almeno così si usa qui che la trincia pochi ce l’hanno. Sono stato il giorno intero con forbici e segaccio a scendere da un albero e salire su un altro per dare aria alla chioma, sfoltirne il centro, preparare l’albero alla nuova stagione.
Completato un albero scendo, lo rimiro da ogni lato a controllare il lavoro. Ah mi piace guardare le cose fatte, godermele con gli occhi; è un modo per riconoscere loro dignità.
E’ il tramonto, faccio in tempo a bruciare quello che ho tagliato. Raduno il fogliame in grandi mucchi e do fuoco; le fiamme interrompono la monotonia del paesaggio, saettano fluide verso l’alto e ognuna mi pare una storia, un racconto che non conoscevo; d’amore, di viaggi, d’avventure. Le faville sono spiritelli, saltimbanchi, suonatori di clarino; un mondo fatato. Laggiù il mare è già una tavola nera.

Annunci

Navigazione articolo